In News

Immaginate di passeggiare per strada. Ad un certo punto vedete due aspirapolvere in una vetrina di un negozio; tutte e due hanno lo stesso prezzo e sono uguali nel modello e nelle funzioni descritte. Quale scegliereste?

Si tratta di un esperimento sociale che ha avuto particolare successo, condotto dal progetto PolyCE, un consorzio che viene finanziato dalla Commissione Europea e che ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sull’importanza di smaltire correttamente i rifiuti elettronici e sulla necessità di puntare su scelte di acquisto più sostenibili e meno inquinanti per l’ambiente. Insomma, l’obiettivo è davvero importante.

I due aspirapolvere, per tornare all’esperimento, erano sì perfettamente uguali, ma uno dei due era composto completamente di plastica riciclata, mentre l’altro no. Uno era stato prodotto con materiali riciclati, e quindi era più sostenibile, mentre l’altro, nuovo di zecca, per l’ambiente rappresenta un fattore di inquinamento e di emissioni di anidride carbonica.

Perché gli oggetti come gli smartphone e i piccoli elettrodomestici che tutti i giorni utilizziamo dentro casa non vivono in eterno; vengono gettati senza troppi pensieri ignorando il fatto che smaltire costa. E non solo in termini economici!

Tutti i rifiuti elettronici sono composti anche da plastica per circa il 20% e solo in pochi, pochissimi casi questa plastica viene riciclata; milioni di tonnellate ogni anno vengono disperse. E questo, per l’ambiente, è un danno enorme. Il problema deve essere arginato al più presto e mai come adesso servono interventi concreti, studiati e mirati.

I numeri, purtroppo, ci documentano una triste realtà; soltanto il 10% delle materie plastiche che sono contenute in oggetti come questi viene riciclato. Ma non per mancanza di volontà: quello che manca è la conoscenza delle corrette modalità di smaltimento di questi rifiuti.

All’interno di questo progetto, oltre all’esperimento sociale, era previsto anche un questionario, che purtroppo ha evidenziato come la metà dei consumatori, ad oggi, non sono in grado di affermare di avere mai comprato un prodotto o un bene contenente plastica riciclata.

E allora speriamo che questo esperimento sia utile a smuovere le coscienze di tutti e a fare un po’ di informazione: acquistare prodotti che contengono plastica riciclata fa bene all’ambiente. Sosteniamo l’economia circolare, tifiamo per il riciclo e per la riduzione de rifiuti e delle emissioni di anidride carbonica. Tifiamo tutti insieme per il pianeta!

 419 total views,  18 views today

Post correlati