In News

Si chiama Washed Up, ed è un progetto artistico e fotografico creato dall’artista newyorchese ma di origine messicana Alejandro Durán, per denunciare l’effetto negativo dell’inquinamento dato dalla plastica che, ogni giorno, attraversa l’oceano per andare a depositarsi sulle rive di Sian Ka’an, una delle più grandi e belle riserve naturali messicane e importantissimo sito archeologico di fama mondiale.

Nel corso degli anni, l’artista ha individuato rifiuti plastici provenienti da cinquanta diverse nazioni, e le ha utilizzate per creare le sue opere artistiche, che giocano con le forme e i colori della plastica per farle sembrare parte del territorio e dell’ecosistema circostante. Il risultato è una vera e propria campagna contro l’inquinamento, la globalizzazione, il consumismo e il non riciclo dei materiali riciclabili, che stanno lentamente soffocando le bellezze del pianeta.

2,172 Visite totali, 2 visite odierne

Post correlati