In News

Più volte ci siamo occupati del problema dell’amianto, dal punto di vista della salute e della sicurezza dei cittadini, ma questo problema riguarda anche un corposo aspetto burocratico che è indispensabile conoscere e diffondere per far sapere a chi ancora non ne è a conoscenza che se decidete di smaltire l’amianto potete usufruire di agevolazioni fiscali che lo Stato dedica alle imprese. La normativa è sempre in movimento e queste sono le ultime novità in merito.

Una nuova risoluzione ha sancito un nuovo codice tributo, il 6877, per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta del 50% per chi i titolari di reddito d’impresa che nel 2016 hanno sostenuto costi per interventi di bonifica dall’amianto presente in strutture produttive o su beni situati in Italia.

Le agevolazioni possono essere fruite in tre rate annuali a partire da quest’anno. Il codice tributo in questione deve essere riportato nel modello F24 alla sezione “erario”, in corrispondenza della colonna che indica gli “importi a credito compensati” o “importi a debito versati” nel caso in cui si debba restituire la somma prevista per l’agevolazione.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

910 Visite totali, 2 visite odierne

Post correlati